Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

logotype

"La mafia uccide, il silenzio pure."

La rotta dei poeti

    • Un passo che non trema

      La Rotta dei Poeti racconta la storia di Movimento Tellurico, un’associazione in cammino per la...

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato

Eventi

Gennaio 2019
D L M M G V S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Facebook



Partner

UN TRISTE NATALE "SENZA LA SINISTRA"

IMG-20170728-WA0002

 

 

Da diversi anni non si fa altro che parlare di crisi della Sinistra, che questa non esiste più e che “tutto sta andando a rotoli”. Noi, che riteniamo di far parte della Sinistra, siamo tristemente allarmati e scoraggiati fino a rischiare la depressione. 

Purtroppo negli ultimi anni sembriamo esserci trasformati in un “esercito di immotivati”, con la difficoltà di lottare, si partecipa a qualche comparsata, per poi rimetterci in pigiama e riaccendere il telefonino…

 

Si parla sempre meno di lotte sociali e siamo tutti terrorizzati dallo scontro politico e dagli ideali, quelli veri che ci aprivano le porte verso il cambiamento. La vera cultura di Sinistra è scomparsa, per tanti anni non si è fatto altro che presentare liste elettorali senza un legame con la realtà e i territori, cercando di accaparrarsi qualche posto in Parlamento. Addirittura ci si divide con l'1,2 %.

 

Ci si lega con più facilità alla rete, i social sembrano essere diventati l’unico “luogo di impegno”, ma questo ha creato la nostra solitudine e ci ha resi schiavi di un mondo virtuale. Purtroppo il mondo reale è diventato un deserto. 

Diamo via continuamente alle esternazioni su Facebook. Ognuno ha qualcosa da dire, si comunica con l'amico e tutto finisce come è iniziato, subito dopo non ricordiamo niente e si diffonde sempre di più la presunzione e l’ignoranza. Non a caso Umberto Eco sosteneva che “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli.”

 

Si legge e si pensa poco ed è fastidioso constatare che non ci si preoccupa abbastanza di una situazione del genere. Tante volte si preferisce non prendere posizione e non partecipare a scadenze ed iniziative importanti. Questi sono gli ostacoli che impediscono la nostra crescita e che bloccano un vero progetto politico di Sinistra.

 

Non abbiamo più intellettuali veri, qualcuno appare smarrito e demoralizzato, i rassegnati in genere non danno fastidio. Anzi, uno dei motivi dell'assenza del conflitto sociale è proprio il dilagare della rassegnazione. Sono finiti i tempi di Pasolini e di Sciascia che con il loro libero pensiero e le loro provocazioni riuscivano a trasmettere tante emozioni e si apriva un dibattito nel Paese, intellettuali veri, lucidi e pieni di entusiasmo. 

 

Non c'è tempo da perdere, prima che sia troppo tardi, le chiacchiere e le lamentele non bastano. Dobbiamo partire dal presupposto che non sono stati gli altri che ci hanno buttato nel baratro, ma siamo stati noi che ci siamo caduti, siamo responsabili del fallimento e dell'assenza di un vero soggetto politico, la mancanza di entusiasmo e la nostra incompetenza ci hanno portato al degrado morale e politico. 

 

Sarebbe il caso di ricominciare da capo. Non mancano affatto i punti di riferimento, partire dalle tante esperienze di lotta che in alcuni casi non sono state considerate e che hanno contribuito a suscitare una vera riflessione. Da Peppino Impastato fino ad arrivare alle lotte dei movimenti che difendono i propri territori, la battaglia di Riace, il lavoro e l'impegno di lotta contro la mafia. Nello stesso tempo non bisogna trascurare la memoria collettiva.

All'indifferenza e alla rassegnazione si è aggiunta la paura, l'insicurezza e la cultura del precariato.

 

Raccogliere le istanze dal basso, alimentare i conflitti sociali, creare lo scontro politico e nello stesso tempo trasmettere ai giovani la cultura della Disobbedienza Civile, sono i punti principali ed essenziali per costruire la vera Sinistra nel nostro paese e per abbattere il sistema Neo-Liberista, espressione della Globalizzazione e di un Capitalismo senza regole.

 

Oggi siamo di fronte ad un contesto che si sta imbarbarendo sempre di più, abbandonati a noi stessi con il peggiore governo che abbiamo avuto dal dopo guerra ad oggi, il tessuto sociale è stato totalmente demolito. Ricostruirlo non sarà facile, bisognerà provarci con tutti i mezzi che abbiamo e con la consapevolezza che ci si deve impegnare in maniera seria ed efficiente, cercando di coinvolgere le fasce giovanili con un approccio diverso rispetto a prima. L'umiltà e la razionalità ci possono aiutare tantissimo, considerando il fatto che tutto è cambiato.

 

Tante realtà Associative possono contribuire a fa crescere la vera cultura di Sinistra, allo stesso modo in un momento di totale disgregazione bisogna farsi carico delle tematiche care a tutti: l'ambiente, i diritti Umani, l'Antifascismo, l'Antimafia e la difesa della Democrazia. Convergere su questi obiettivi è uno sforzo che dobbiamo fare a prescindere delle appartenenze e dalle sfumature, con preciso riferimento ai grandi valori della Costituzione.

 

Se perdiamo ancora tempo c'è il rischio che questo nostro paese possa finire in mano alle peggiori ipotesi che ci possono portare direttamente all’avvento del  fascismo, come è avvenuto negli anni '20. Pasolini, quasi cinquant’anni fa, aveva le idee chiare su come l’anima del popolo italiano potesse essere scalfita dalla nascita di nuovi fascismi:  “il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e di informazione (specie, appunto, la televisione) – e oggi potremmo aggiungere anche internet e tutto il resto - non solo l’ha scalfita, ma  l’ha lacerata, violata, bruttata per sempre…”

 

Come Casa Memoria, in coerenza con le idee di Peppino, continueremo a dare il nostro contributo come sempre abbiamo fatto.

La nostra proposta per il 41° anniversario è organizzare una grande manifestazione nazionale contro la mafia, unitaria, che possa esprimere finalmente i veri valori di una sinistra democratica ed antifascista, per  raccogliere le istanze dal basso.

 

Giovanni Impastato

 

 

Commenti   

0 #5 Povera SinistraFabio 2018-12-21 10:35
Carissimo Signor Giovanni,fin da sempre non ho mai avuto simpatie per la Sinistra,ma difronte alla sua storia ho nutrito un grande rispetto e continuerò ad averlo.L'anno scorso ho partecipato ad ua iniziativa nella mia città Vicenza, ed ho ascoltato il suo intervento,molt o interessante fino al punto che mi sono emozionato per come si esprimeva e per la capacita di riuscire in maniera semplice a trasmettere alcuni grandi Valori.Ho pure letto attentamente il suo scritto sulla crisi della sinistra,ho potuto riscontrare una grande onesta' ed uno spirito autocritico , difficile notare in persone che si definiscono di Sinistra e che in questo paese hanno combinato dei danni notevoli.Mi ha fatto un grande piacere averla conosciuta, spero di incontrarla presto in qualche altra occasione..un caro saluto e Buon Natale.
Citazione
0 #4 Colpiti ed emozionatiPippo Cangemi 2018-12-19 10:23
Apprezziamo tantissimo la tua obiettività, nell'ammettere che la causa del totale fallimento non va solo riconosciuta al Pd,ma soprattutto a quegli idioti che alla sua sinistra in alternativa hanno presentano cinque liste senza riuscire a mettersi d'accordo su quelle tematiche che tu accennavi nel tuo intervento.Defi nirli idioti penso sia un complimento se riescono pure a dividersi sul 1,2% e continueranno ancora a farlo.Non sappiamo se qualcuno sia prezzolato e magari pagato per assumere questo ruolo e per creare sempre più confusione possibile e bloccare un'avanzata di quest'area politica che unita potrebbe dare un minimo di fastidio.Sono sospetti che bisognerebbe verificare.Ques to vuoto andrebbe colmato non da una ma da due Sinistre ,quella moderata e Riformista sul vero senso del termine e quella Radicale.Per fare tutto ciò e' necessario un po' di coraggio e un po' di cervello,nella ttotale buona fede.Mandare a casa a calci nel culo una serie di personaggi insignificanti e corrotti che moti sono nel Pd e che non hanno niente a che vedere con la Sinistra,allo stesso tempo fare la stessa cosa con i presunti estremisti che giocano alla Rivoluzione per garantirsi qualche posto in Parlamento e non hanno capito un cazzo,non si rendono conto che il mondo e' cambiato e che si sono ridotti ad una serie di simboli elettorali alcuni con Falce e Martello offendendo una grande dignità storica e Politica.Hai ragione Giovanni quando citi Pier Paolo Pasolini ed Umberto Eco,ti siamo riconoscenti per la tua sensibilità e la tua capacita' di analisi che purtroppo oggi non esiste più. Mi hai colpito ed emozionato ,in maniera semplice hai espresso il tuo stato d'animo condiviso sicuramente da miglia di persone che stanno soffrendo allo stesso tuo modo. Buon Natale anche se e' triste
Citazione
0 #3 Che vergogna!Giovanni B 2018-12-19 07:17
Da brividi! Che vergogna! Dove siamo stati in tutto questo tempo? Dal grande Pasolini che aveva previsto tutto,siamo finiti in mano a dei buffoni fascisti.Salvin i,Grillo e Casaleggio.
Citazione
0 #2 Grazie GiovanniTeresa Nardini 2018-12-18 20:50
Gramsci,Pasolin i,Sciascia.Meno male che ogni tanto qualcuno ne parla e ci fa riflettere sul loro pensiero. Grazie Giovanni !
Citazione
0 #1 L'amaro in boccaMiro 2018-12-18 20:31
Queste parole lasciano l'amaro in bocca,purtroppo sono macigni che ci cadono addosso. Non possiamo rimanere indifferenti,qu anto meno dobbiamo accettare la sconfitta e riflettere sul come andare avanti.Un prezioso contributo da parte di Giovanni e di Casa Memoria in un momento di grande pericolo per la nostra Democrazia.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2019  Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato