Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

logotype

"La mafia uccide, il silenzio pure."

La rotta dei poeti

    • Un passo che non trema

      La Rotta dei Poeti racconta la storia di Movimento Tellurico, un’associazione in cammino per la...

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato

Eventi

Settembre 2019
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 1 2 3 4 5

Facebook



Partner

Casolare: un tavolo comune tra le parti

IMG 4816

 

Come Casa Memoria e Giovanni Impastato condividiamo quanto scrive Umberto Santino, Presidente del Centro Impastato, in un comunicato che segue quello già a firma comune del 6 settembre scorso.

Come afferma Umberto, anche noi "nel rallegrarci per la decisione di restaurare il casolare dove è stato ucciso Peppino Impastato e farne un luogo della memoria" chiediamo che "si evitino contese e competizioni per non rischiare che si blocchi tutto e continui lo scempio."

Ci uniamo alla proposta "che le parti che hanno presentato i progetti: il Comune di Cinisi, la Città metropolitana di Palermo, la Regione siciliana, si incontrino in un tavolo comune per decidere, sollecitamente, il da farsi. A questo tavolo non possono non partecipare i familiari di Peppino, il Centro Impastato di Palermo, Casa Memoria di Cinisi, l'Associazione dei compagni di Peppino."

Condividiamo la speranza che la decisione sia repentina e unitaria, affinché dopo anni di isolamento di chi ha portato avanti la lotta in nome di Peppino, si possa oggi "diffondere la conoscenza della sua attività, in tutta la sua ricchezza e radicalità."

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2019  Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato