Questa riflessione sul coraggio, raccontataci con immagini e parole da Valentina Di Mercurio, ci dà oggi l’occasione per ricordare insieme al Giudice Paolo Borsellino anche la giovanissima Rita Atria, testimone di giustizia, che collaborò con Borsellino e che si uccise il 26 Luglio del 1992, a pochi giorni dalla strage di Via D’Amelio.

Anche Rita dimostrò il suo grande coraggio quando, a soli 17 anni, dopo l’uccisione del padre e del fratello che erano affiliati alla mafia, decise, insieme alla cognata, di denunciare gli assassini e affidarsi alla magistratura ed in particolare al giudice Borsellino, la cui scomparsa fu per lei un duro colpo. La solitudine di questa ragazza è dimostrata anche dal difficile rapporto con la madre che, non accettando la sua scelta, la rifiutò anche dopo la morte.

Con queste vignette ricordiamo il coraggio e l’umanità di Rita, dei giudici, giornalisti, sindacalisti, uomini e donne di scorta, di Peppino e mamma Felicia, di tanti attivisti e di tutti coloro che quotidianamente sfidano le proprie paure e l’indifferenza per costruire una società giusta e libera.

#digitalsketch #conleideeeilcoraggiodipeppinonoicontinuiamo

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *