Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

logotype

"La mafia uccide, il silenzio pure."

La rotta dei poeti

    • Un passo che non trema

      La Rotta dei Poeti racconta la storia di Movimento Tellurico, un’associazione in cammino per la...

Newsletter

Iscriviti e rimani aggiornato

Eventi

Gennaio 2018
D L M M G V S
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Facebook



Partner

RICORDIAMO CARMELO IANNÌ , VITTIMA INNOCENTE DI MAFIA.

Oggi 24 Febbraio 2015 Carmelo avrebbe compiuto gli anni. Trentacinque anni fa perse la vita lasciando a moglie e tre figlie un vuoto incolmabile. Iannì era un imprenditore che aveva deciso di investire in Sicilia , Terra intrisa di opportunità per chi aveva voluto gestire un albergo e quindi lavorare e crescere nel settore turistico. Purtroppo quelli furono anni in cui la mafia del territorio strinse accordi con dei chimici marsigliesi per la lavorazione e la distribuzione dell'eroina . L'hotel Riva Smeralda situato a poche centinaia di metri dall'aeroporto internazionale Falcone e Borsellino di Palermo, venne preso come punto di appoggio dove alloggiare la notte e da cui spostarsi la mattina seguente per gestire il traffico di droga . La polizia per tenere sotto controllo queste persone coinvolte cominció , sotto sembianze di addetti di albergo , a seguirli fino ad arrivare all'arresto del clan; purtroppo avvenuto a volto scoperto , il che portó ad una identificazione degli stessi poliziotti e i mafiosi del posto, sotto indicazione del boss Gerlando Alberti si vendicarono proprio uccidendo il titolare dell'albergo , collegando il fatto che quel Carmelo Iannì fosse stato complice della polizia in quel l'operazione che di fatto compromise i piani della mafia. Lo freddarono una mattina , calda e secca di agosto, con tre colpi di pistola . I conti erano stati regolati. Sangue era stato sparso. Ecco, noi vogliamo ricordarlo come una persona semplice che avendo agito con senso civico e con rispetto nei confronti della legalità merita di essere raccontato. Vogliamo sottolineare l'importanza della memoria di un civile , di un uomo, di un padre, di un fratello. RICORDIAMOCI DI RICORDARE, per stimolare le coscienze di ognuno, libere da condizionamenti. Rete 100Passi oggi alle 16.00 trasmetterà in diretta dallo studio di Casa Badalamenti, l'intervista fatta alle figlie di Carmelo Iannì . Loro e noi oggi lo raccontiamo così.

Buon ascolto!

 

Il video documentario sulla sua vita di Carmelo iannì, realizzato dai volontari di Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato, verrà inserito nel sito di Casa Memoria www.casamemoria.it, entro e non oltre la giornata di domani.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2018  Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato